TELEFONO MONDO
800.513.340
Il servizio sara' attivo da lunedi a venerdi dalle 14.00 alle 17.30
Lingue:

Lunedi: Inglese Tagalog
Martedi: Arabo Francese
Mercoledi: Cinese
Giovedi: Albanese Moldavo
Venerdi: Spagnolo Portoghese
Permesso di soggiorno
Permesso soggiorno CE lungo soggiornanti
Welfare
Cittadini UE
Cittadinanza
Protezione internazionale

Minori irregolari

Welfare

Il testo unico su immigrazione prevede il divieto di espulsione per categorie particolari di cittadini stranieri che si trovano nel territorio dello stato italiano senza autorizzazione al soggiorno.


Una di queste categorie sono i minori di 18 anni.
Quando di un minore senza visto d'ingresso e senza permesso di soggiorno è presente sul territorio nazionale è possibile prevedere l'applicazione dell' art. 19 Testo Unico sull'immigrazione  (comma 2 lettera a):

“…Non è consentita l'espulsione… degli stranieri minori di anni diciotto, salvo il diritto a seguire il genitore o l'affidatario espulsi…”.

Se si tratta di minore non accompagnato ( minore presente in Italia senza genitori o senza affidatario ) è competente il Comitato per minori stranieri – organo istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri.

Il Comitato ha la competenza a disporre, quando ve ne sono le condizioni, il rimpatrio assistito del minore straniero non accompagnato.
Dopo la segnalazione al Comitato, al minore si rilascia un permesso di soggiorno per minore età che è valido per il periodo necessario a fare le indagini nel paese d'origine. Se ci sono le condizioni il Comitato decide il rimpatrio assistitto.
Quando no ci sono le condizioni per il rimpatrio, in seguito al parere positivo del Comitato dei minori, al minore viene rilasciato un permesso di soggiorno per integrazione sociale.


Al compimento di 18 anni l'art 32 del Testo unico prevede il rilascio di un permesso di soggiorno per studio o di accesso al lavoro se il minore è stato ammesso in un progetto di integrazione sociale gestito da un ente pubblico o privato iscritto al registro presso Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L'ente dietro documentazione deve provare che il minore si trova in Italia da almeno 3 anni, segue per non meno di due anni il progetto, ha la disponibilità di un alloggio e frequenta corsi di studio oppure la possibilità di un contratto di lavoro (anche se non ha ancora iniziato).
Diverso è il caso del minore presente in Italia privo di permesso di soggiorno, ma accompagnato da uno o entrambi i genitori regolarmente soggiornanti. Per tale situazione si prefigura la possibilità dell'applicazione dell'art. 19 Testo Unico sull'immigrazione e dell'art. 28 Regolamento di attuazione del Testo unico .
È bene dire però, che il permesso di soggiorno per motivi familiari è rilasciato solo se è dimostrato il legame parentale, attraverso la prevista certificazione, tradotta e legalizzata dalla rappresentanza italiana operante paese di origine dello straniero.
I minori affidati in base alla legge 184 del 4 maggio 1983 seguono le condizioni della persona a cui sono affidati.

 

 
Aree
Categorie
Hai trovato utile il servizio?
Si No
 
 
Telefono mondo
Numero verde
Orari
Contatti
800.513.340
Lunedi Inglese Tagalog 14:00-18:00
Martedi Albanese 10:00-13:00 Urdu 14:00-18:00
Mercoledi Arabo Francese 10:00-13:00 Cinese 14:00-18:00
Giovedi Rumeno/Moldavo 10:00-13:00 14:00-18:00
Venerdi Spagnolo 14:00-18:00
Italiano ad ogni apertura
PAIS Palazzo delle Associazioni e Imprese Sociali
Via Angera 3 Milano
(ingresso da via Belgirate 15)

Telefono (+39) 02 66 98 60 00
Fax (+39) 02 67 57 43 34
Email info@telefonomondo.it